HomePoliticaLa Regione approva la proposta di legge sulla rigenerazione urbana

La Regione approva la proposta di legge sulla rigenerazione urbana

Pubblicato il

Ieri in Consiglio regionale è stata approvata la proposta di legge sulle norme per la rigenerazione urbana e territoriale, la riqualificazione, il riuso e la densificazione, (ex Piano Casa).

Una normativa importante e moderna imperniata attorno ai concetti di rigenerazione urbana e territoriale, di riqualificazione, riuso e sostenibilità, riduzione del consumo di suolo e che consentirà interventi di ristrutturazione e di sostituzione edilizia con ampliamento, il recupero dei sottotetti, seminterrati e interrati.

Non vanno trascurate, inoltre, le importanti ricadute di ordine economico e sociale che ne scaturiranno.

Infatti, il settore dell’edilizia può essere considerato come l’ossatura dell’intero nostro sistema economico e sociale, ma sta subendo pesanti ripercussioni a causa del contesto economico e sociale fortemente mutato.

Le nuove disposizioni contribuiranno certamente a creare opportunità di lavoro per i nostri giovani e opportunità di rilancio per le imprese operanti nel comparto.

Dunque, riuso, rigenerazione e riqualificazione, ma anche occasione di ripresa economica per un settore funestato dalla crisi e dall’aumento dei costi dei materiali.

Come detto in precedenza, una legge per certi versi entusiasmante.

In Calabria, infatti, parlare di rigenerazione urbana e di programmi di recupero e riqualificazione del patrimonio immobiliare e degli spazi, di qualità della vita, di recupero di aree periferiche e aree urbane degradate, di città sostenibili e più a misura d’uomo, assume oggi un significato di profonda volontà di tutela del territorio e proietta la nostra Regione verso un futuro fatto di rispetto dell’ambiente e di riduzione del consumo di suolo, oltre a consentire di disciplinare ciò che oggi è edificabile.

Rigenerare, inoltre, significa consentire alla comunità di riappropriarsi e di rivivere nuovamente gli spazi urbani, ma sotto una nuova veste e con evidenti miglioramenti nella qualità della vita e nella sfera sociale, economica e ambientale, attraverso criteri di sostenibilità ambientale e mediante l’impiego di materiali eco-compatibili.

In altre parole, città più vivibili, ridisegnate nel rispetto dell’ambiente, che garantiscano ai cittadini accessibilità ai servizi primari e che consentano anche di affrontare la sfida dei cambiamenti climatici.

Ecco che allora è necessario agganciare gli ambiti di intervento del PNNR proprio sul punto della rigenerazione, di modo da fornire risposte adeguate e pertinenti ad una situazione che richiede prontezza e tempestività.

E questa legge ritengo fornisca risposte adeguate.

Le norme generali individuano proprio gli obiettivi che concorrono per il perseguimento delle predette finalità.

Particolarmente significativo, il Titolo II che, in ossequio, a quanto sin qui detto, declina nei primi tre Capi, rispettivamente, le misure della rigenerazione urbana e territoriale, le misure per la riqualificazione, il riuso e la densificazione e le misure per il recupero dei sottotetti, seminterrati e interrati e le norme per la decostruzione. 

E ancora, al fine di redigere la programmazione di cui si è detto, i comuni saranno tenuti a predisporre un documento programmatico, tenendo conto delle proposte di intervento avanzate da altri soggetti pubblici e da soggetti privati, anche tramite azioni partecipative di consultazione preventiva delle comunità interessate dalla realizzazione degli interventi. 

Inoltre, per promuovere gli interventi di rigenerazione urbana, si è previsto che i Comuni possono deliberare incentivi fiscali ed in particolare dei seguenti benefici: esenzione di IMU e TARI; forme di riduzione delle somme dovute per l’occupazione di suolo pubblico; pagamento in misura fissa delle imposte di registro, ipotecaria e catastale dovute per il trasferimento di immobili; applicabilità di taluni benefici fiscali per ristrutturazioni edilizie ed efficientamento energetico; detrazioni ai fini IRPEF di parte dell’IVA versata in occasione di compravendite di immobili. 

I comuni possono, viceversa, deliberare l’innalzamento delle aliquote IMU e delle addizionali IRPEF, a determinate condizioni, sugli immobili inutilizzati o incompiuti.

Insomma, per concludere, un intervento moderno, attuale, necessario, atteso e centrale per la nostra Regione.

Il Consigliere Regionale di Forza Italia

Giuseppe Mattiani

Ultimi Articoli

Guardia giurata palmese accusata di atti persecutori, il gip decide l’archiviazione

L'uomo era difeso dagli avvocati Mimma Sprizzi, Pasquale Aquino e Antonio Papalia

Polistena Futura denuncia: «Termosifoni spenti nelle scuole. Dov’è il sindaco?»

Il gruppo consiliare di opposizione punta il dito anche contro la mancata nomina degli assistenti ai disabili

Esplosione mortale a Bagnara: una fiamma ossidrica potrebbe essere all’origine dello scoppio

Lo scoppio potrebbe essere stato provocato da una scintilla sprigionata da una fiamma ossidrica

25 novembre, dal “Pizi” di Palmi un forte “no” alla violenza sulle donne

Il “Pizi” fa sentire forte e chiaro il suo “no” alla violenza contro le...

Polistena Futura denuncia: «Termosifoni spenti nelle scuole. Dov’è il sindaco?»

Il gruppo consiliare di opposizione punta il dito anche contro la mancata nomina degli assistenti ai disabili

Polistena, i manifesti “capovolti” in segno di vicinanza al sindaco Tripodi

Nei giorni scorsi il primo cittadino è stato attaccato dai consiglieri del gruppo "Polistena Futura"

Reggio, a Palazzo Alvaro una mostra di abiti ispirati a Gianni Versace

Presentato il ricco calendario di iniziative promosse in occasione dell'anniversario della nascita del mastro Versace, che coinvolge associazioni ed operatori del settore moda.