HomePoliticaIniziativa Ecr in Calabria, Nesci: «Ribaltato paradigma che immaginava un Sud piagnone»

Iniziativa Ecr in Calabria, Nesci: «Ribaltato paradigma che immaginava un Sud piagnone»

Pubblicato il

«Con l’iniziativa promossa dai Conservatori europei è stato ribaltato il paradigma che immaginava un Sud piagnone e col cappello in mano nei confronti dell’Europa».

È quanto ha dichiarato l’eurodeputato Denis Nesci, promotore della tre giorni in Calabria, a conclusione di una Convention che ha visto la partecipazione di oltre 800 delegati, di cui quasi 200 provenienti da ben 14 paesi diversi.

«Siamo riusciti nell’intento di spostare in Calabria la discussione su grandi temi europei, che prima sembravano fossero disciolti da distanze siderali dalle grandi famiglie politiche europee, a cui spetta il compito della costruzione di un’agenda che tenga conto delle aree periferiche del nostro continente, e che conservano l’identità di un’Europa dei popoli, il cui percorso comune è ancora in divenire».

«Ma mentre qualcuno, a pochi chilometri di distanza, si affannava nella ricerca di soluzioni minimaliste e assistenzialiste – sottolinea Nesci, riferendosi alle parole di Elly Schlein durante la festa regionale del Pd a Vibo Valentia – i Conservatori europei, tra Villa San Giovanni e Scilla, non solo hanno creato un momento di proposta politica, ma hanno ribadito quella visione che anima l’azione di governo di Giorgia Meloni sulle questioni che interessano il Sud e il cuore del Mediterraneo, come le infrastrutture, i trasporti, la logistica commerciale,  l’ economia del mare, l’agricoltura sostenibile che non penalizzi territori e gli asset che la governano, ma soprattutto il rilancio occupazionale attraverso l’irrobustimento di questi settori strategici come modello da seguire nei prossimi anni».

«E tutto questo è stato possibile grazie alla scelta lungimirante del Segretario generale dell’ECR Party, l’On. Antonio Giordano, il quale ha deciso di scommettere sul Sud e sulla Calabria, e grazie alla presenza di Ministri, Sottosegretari, di figure di riferimento del partito di Fratelli d’Italia, ma anche di profili accademici che hanno voluto dare un contributo alla formulazione di un’idea di Europa vicina ai territori, in grado di riconoscere e promuovere le loro vocazioni. La Calabria si è fatta trovare pronta ad un evento che ne ha esaltato meraviglie e potenzialità, senza rinunciare a quel ruolo da protagonista che la storia e la geo-politica le hanno affidato. Nella convention dell’ECR non si è discusso infatti di cosa possa fare l’Europa per il Mezzogiorno, ma di come, e con quali ricette, il Sud e la Calabria possano giocare un ruolo centrale nell’Europa che verrà».

«Per i Conservatori europei, il 9 giugno 2024 dunque  conclude la nota – non rappresenta solo un orizzonte elettorale, ma un’occasione per dare un nuovo slancio alla governance delle istituzioni europee, troppo poco attenta ai territori periferici come quelli del Sud del Paese».

Ultimi Articoli

Candidati, per favore, la politica e i contenuti.

Nella frenesia delle campagne elettorali, emerge spesso una triste realtà: la politica si trasforma...

Mancato confronto Russo-Scarcella, il chiarimento della nostra testata

«Il nostro giornale avrebbe voluto offrire alla città un momento di riflessione in vista del ballottaggio, e ha fatto di tutto per permettere alle due candidate di dialogare pubblicamente, ma purtroppo non per motivi imputabili alla redazione del giornale, non è stato possibile organizzare il dibattito»

Campagna “Maturità al sicuro” della Polizia e Skuola.net per contrastare le fake news sull’esame di Stato

Passano gli anni ma, per gli studenti che si apprestano a sostenere la Maturità,...

Nasce Agorà deliese, il sindaco Falcomatà ringrazia i promotori: «Segno di un territorio vitale e socialmente ricco di iniziative»

Nel corso dell'incontro, alla presenza del Sindaco metropolitano e del Dirigente del Settore Viabilità Lorenzo Benestare, è stato chiarito l'iter relativo alla realizzazione della strada di collegamento tra lo svincolo autostradale di Gioia Tauro ed il borgo di Delianuova

Candidati, per favore, la politica e i contenuti.

Nella frenesia delle campagne elettorali, emerge spesso una triste realtà: la politica si trasforma...

Mancato confronto Russo-Scarcella, il chiarimento della nostra testata

«Il nostro giornale avrebbe voluto offrire alla città un momento di riflessione in vista del ballottaggio, e ha fatto di tutto per permettere alle due candidate di dialogare pubblicamente, ma purtroppo non per motivi imputabili alla redazione del giornale, non è stato possibile organizzare il dibattito»

Nasce Agorà deliese, il sindaco Falcomatà ringrazia i promotori: «Segno di un territorio vitale e socialmente ricco di iniziative»

Nel corso dell'incontro, alla presenza del Sindaco metropolitano e del Dirigente del Settore Viabilità Lorenzo Benestare, è stato chiarito l'iter relativo alla realizzazione della strada di collegamento tra lo svincolo autostradale di Gioia Tauro ed il borgo di Delianuova