Il Comune di Palmi adotta il regolamento per la gestione dei beni confiscati alle mafie

0
485
Palazzo San Nicola a Palmi

PALMI – È stato firmato questa mattina, presso palazzo San Nicola a Palmi, il regolamento che disciplina l’utilizzo dei beni immobili confiscati alle mafie. Il commissario prefettizio Antonia Bellomo ed il segretario generale Caterina Romanò, hanno apposto la loro firma in calce a questo importante documento, che consentirà ad associazioni, enti, cooperative e ad ogni realtà che insiste nel territorio palmese, e che ha fini sociali e lavorativi, di usufruire delle strutture sequestrate.

Presso l’ufficio beni confiscati, istituito dentro palazzo San Nicola, che si occupa di chiarire eventuali problemi che potrebbero sorgere, i cittadini interessati all’utilizzo di una di queste strutture, potranno chiedere ogni informazione.

L’elenco completo dei beni immobili confiscati sarà disponibile nell’albo delle confische, dove per ogni bene é indicata la planimetria, la provenienza e l’utilizzo che se ne faceva in precedenza. Sarà il consiglio comunale a decidere quali richieste accettare tra quelle che i vari soggetti interessati presenteranno, insieme ad un progetto di utilizzo della struttura.
I beneficiari, poi, avranno l’obbligo di mantenere immutato il fine per il quale hanno fatto richiesta di utilizzo; dovranno provvedere alle spese ordinarie e straordinarie di manutenzione; saranno chiamati periodicamente ad illustrare al sindaco, o a chi per lui, le iniziative che stanno portando avanti, fornendo un elenco dei membri dell’associazione e di tutte le persone coinvolte.

All’interno della struttura sarà presente del materiale divulgativo sia sulla struttura che sull’attività svolta. Nella sezione Albo pretorio ospitata nel sito del Comune di Palmi, sarà possibile trovare il regolamento completo.

Viviana Minasi