HomeCronacaConfiscati ai Pesce beni per 21 milioni di euro

Confiscati ai Pesce beni per 21 milioni di euro

Pubblicato il

ROSARNO – Il comando della Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha sequestrato e contestualmente confiscato un patrimonio di circa 21 milioni di euro riconducibile alla cosca Pesce di Rosarno.

Sono state confiscate quattro società operanti nel settore agricolo e dei trasporti, 25 mila metri quadri di terreni coltivati ad agrumeto e frutteto, 13 fabbricati tra cui tre ville di pregio, (una a Baden nei Wien, a sud di Vienna in Austria) e numerosi rapporti finanziari, bancari postali e assicurativi.

I decreti di confisca sono stati emessi dalla Direzione distrettuale antimafia.

Le indagini, eseguite dal Gico del Nucleo di Polizia Tributaria di Reggio, hanno fatto emergere la sproporzione esistente tra i modesti redditi dichiarati e gli ingenti investimenti delle persone indagate.

L’operazione, frutto della collaborazione tra la magistratura italiana e quella austriaca, è una delle prime, in cui viene richiesta una misura di prevenzione patrimoniale prevista dalla legislazione italiana, a un’autorità giudiziaria estera.

Ultimi Articoli

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Cittanova, al Gentile in scena “Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo

In scena martedì 31 gennaio per la XIX Stagione Teatrale

Facoltà di Medicina a Reggio Calabria, riunito il tavolo istituzionale per l’avvio del percorso

Presenti i rappresentanti della Città Metropolitana, del Comune, della Camera di Commercio, dell'Ordine dei Medici e dell'Università Mediterranea.

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova