HomePoliticaCinema "Manfroce", Barone: «Sbaglio o tutto è fermo a 5 anni fa?»

Cinema “Manfroce”, Barone: «Sbaglio o tutto è fermo a 5 anni fa?»

Pubblicato il

Nuova entrata a gamba tesa del candidato a sindaco Giovanni Barone sull’attuale primo cittadino, Giuseppe Ranuccio, al quale viene contestata la gestione della vicenda del cine-teatro “Manfroce”.

«Ho appreso con piacere dagli organi di stampa – scrive Barone – che forse partiranno i lavori di completamento del teatro “Manfroci” (Manfroce, ndr) già cine-teatro “Sciarrone”. Certo colpisce, ancora una volta, il fatto che questo avvenga a ridosso delle elezioni per continuare a gettare “fumo negli occhi” secondo vecchi metodi amministrativi».

Una scelta mirata, secondo l’ex primo cittadino oggi nuovamente in corsa per la carica di sindaco, perché a ridosso delle consultazioni elettorali di primavera. Una carta, secondo Barone, che Ranuccio si starebbe giocando proprio per accrescere il consenso elettorale.                                                                        

«Lo stato dei lavori, al momento, è quello in cui la precedente amministrazione lo aveva lasciato e quindi mancante solo di piccoli dettagli tecnici – prosegue la nota stampa di Barone – Se già in questi anni si fossero previsti in bilancio i fondi e seguito l’iter nelle sedi competenti sarebbero bastate poche migliaia di euro. Oggi apprendiamo che sono necessari 120mila euro che peraltro vengono dati con affido diretto, secondo un sistema fin troppo utilizzato in questi ultimi anni (ma di questo avremo modo di chiarire nel tempo!), ad una azienda che, a quanto pare, non è stata particolarmente capace di concludere i pochi lavori restanti».                                                                                                 

«Ma, se non sbaglio, non esisteva un regolamento di Consiglio Comunale che prevedeva che solo fino a 40 mila euro si potevano dare lavori in affido diretto mentre fino a 100.000,00 euro bisognava fare una gara gestita dagli Uffici Comunali ed oltre i centomila euro bisognava andare obbligatoriamente alla SUAP di Reggio Calabria per l’espletamento della gara? E se la legge è stata modificata perché non è stato adeguato il regolamento comunale? Chi ha controllato? Chi ha espresso i pareri di legittimità? Non si tratta, si badi bene, di un fatto puramente “legale” ma solo di un fatto “morale ed etico” per controllare che non vi siano vantaggi per alcune aziende a scapito di altre».                                                                                         

Ultimi Articoli

Guardia giurata palmese accusata di atti persecutori, il gip decide l’archiviazione

L'uomo era difeso dagli avvocati Mimma Sprizzi, Pasquale Aquino e Antonio Papalia

Polistena Futura denuncia: «Termosifoni spenti nelle scuole. Dov’è il sindaco?»

Il gruppo consiliare di opposizione punta il dito anche contro la mancata nomina degli assistenti ai disabili

Esplosione mortale a Bagnara: una fiamma ossidrica potrebbe essere all’origine dello scoppio

Lo scoppio potrebbe essere stato provocato da una scintilla sprigionata da una fiamma ossidrica

25 novembre, dal “Pizi” di Palmi un forte “no” alla violenza sulle donne

Il “Pizi” fa sentire forte e chiaro il suo “no” alla violenza contro le...

Polistena Futura denuncia: «Termosifoni spenti nelle scuole. Dov’è il sindaco?»

Il gruppo consiliare di opposizione punta il dito anche contro la mancata nomina degli assistenti ai disabili

Polistena, i manifesti “capovolti” in segno di vicinanza al sindaco Tripodi

Nei giorni scorsi il primo cittadino è stato attaccato dai consiglieri del gruppo "Polistena Futura"

Reggio, a Palazzo Alvaro una mostra di abiti ispirati a Gianni Versace

Presentato il ricco calendario di iniziative promosse in occasione dell'anniversario della nascita del mastro Versace, che coinvolge associazioni ed operatori del settore moda.