HomeAltre NotizieChiusura centro "Emmanuele", il rammarico di don Silvio Mesiti

Chiusura centro “Emmanuele”, il rammarico di don Silvio Mesiti

Pubblicato il

Leggo con rammarico sulla stampa e sulla Gazzetta del Sud la rottura della mediazione della regione Calabria con il cosiddetto comune capofila dell’Ambito territoriale 2, Rosarno.

Abbiamo mandato centinaia di documenti e perizie redatte da professionisti di alto livello, e diverse lettere in cui abbiamo chiesto invano sopralluoghi di verifica su osservazioni di cui renderemo conto ai palmesi, e di cui tutte le ispezioni da 30 anni non hanno mai avuto da ridire.

Grazie alla dottoressa Silvia Carbone, all’avvocato Greco, all’architetto Gabriella Bonasera, sempre molto pazienti e aperti al dialogo che il signor sindaco di Rosarno, a parole e cortesemente ha accordato, senza tuttavia attuare le promesse fatte, di cui si è sempre detto convinto, riconoscendone la validità.

I documenti, come sempre, sono consultabili da parte di tutti i cittadini della Piana da cui provengono tutti i nostri carissimi ospiti e centinaia di bambini del centro di riabilitazione, con lunghe liste di attesa.

Mi dicono che nel corso dell’ultimo incontro avvenuto tra la dirigente del servizio del comune di Rosarno e la Regione è stato assicurato che i nostri giovani saranno ospitati in un’altra struttura già pronta.

Benvenuta!

Se ci daranno la possibilità di esistere ce ne saranno due, e ritengo siano necessarie.

Si sappia comunque che oltre trent’anni fa, quando i disabili stavano chiusi in casa per negligenza politica e sociale, i palmesi, senza una lira dallo Stato, hanno realizzato il centro “Presenza” che tutti conoscono.

«Dopo il fallimento di tante opere esistenti nella nostra città, non si capisce a chi e perché stiamo dando fastidio»: lo dicono il caro onorevole Giuseppe Mattiani, il nostro sindaco Giuseppe Ranuccio e centinaia di persone, incluse le autorità regionali, mentre da Rosarno il sindaco dice e poi nega, ed i burocrati o forse i dirigenti del servizio, sono ciechi sordi ma non muti.

Il problema? Il muro o gli specchi basculanti, tra l’altro già istallati.

Aspettiamo con fiducia che il buon senso prevalga

Don Silvio

Ultimi Articoli

Camera Minorile di Palmi si avvia alla conclusione il progetto di educazione alla legalità

Importante progetto dedicato alle devianze minorili, che ha coinvolto diversi soggetti istituzionali e imprenditori locali

Taurianova, la biblioteca Renda riapre le porte

Riapre le porte, dopo sette anni di chiusura, la biblioteca comunale Antonio Renda -...

Elezioni a Gioia Tauro: Presentate le Liste dei Candidati a Sindaco

Sono state ufficialmente presentate le candidature per le elezioni amministrative di Gioia Tauro, che...

Non erano intervenuti in un incidente mortale: sospesi due vigili urbani a Taurianova

I due sarebbero effettivamente passati sul luogo dell'incidente senza attivare la macchina dei soccorsi

Libertà e regole tra musica e diritto secondo Sabino Cassese

Il professore è intervenuto da remoto al Festival Nazionale che si è svolto a Palmi

Come regolare lo smartphone per salvaguardare gli occhi

Lo smartphone è il dispositivo elettronico più utilizzato in assoluto, il quale è posseduto...

141 milioni per il definitivo dell’ospedale della Piana. Mattiani: «Grazie a Occhiuto per il lavoro incessante»

Un decreto del commissario ad acta stanza un'importante somma da destinare all'opera attesa da più di un decennio