HomePoliticaAnniversario della Liberazione: l’insulto pubblico all’Italia e agli italiani

Anniversario della Liberazione: l’insulto pubblico all’Italia e agli italiani

Pubblicato il

  • Rosario Schiavone
 

Ci sono date diventate ricorrenze nella storia del nostro Paese, e quella del 25 Aprile è – senza indugio – una tra le più significative.

75 anni fa l’Italia veniva liberata dal Fascismo grazie al sacrificio dell’Esercito e dei partigiani, e da allora il 25 Aprile è sinonimo di festa, libertà, rinascita. 

«A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, il 25 Aprile è dichiarato festa nazionale», si legge nel decreto emanato da Re Umberto II, su iniziativa dell’allora Presidente del Consiglio De Gasperi.

Una festa, dunque, ma che purtroppo non è percepita come tale da tutti.

È di questa mattina la pubblicazione di un post sul profilo Facebook dell’ex vice sindaco di Gioia Tauro Rosario Schiavone, attuale referente del locale Circolo “Fratelli d’Italia” e impiegato alla Regione Calabria, in cui è forte l’offesa all’Italia e agli italiani.

«Dicono gli esperti di genetica che il dna degli italiani è il più variegato d’Europa. Forse perché l’Italia è un “corridoio migratorio” naturale, e da sempre è terra di invasione e di conquista. Il risultato è che siamo un popolo bastardo e traditore, opportunista e sempre in vendita come le zoccole. Buon 25 Aprile traditori e zoccole».

Parole pesanti ed offensive, che fanno male ad un Paese che più che un corridoio migratorio, è un porto che accoglie chi fugge da situazioni estreme di pericolo, chi proviene da quei Paesi in cui vigono dittature che causano persecuzione e repressione.

Proprio come quel fascismo del quale oggi se ne celebra la liberazione.

Il post è stato successivamente rimosso, non dal suo autore ma da Facebook, a seguito della segnalazione di un utente.

Un post attaccabile da più parti: sicuramente a spiccare è la brutalità della terminologia utilizzata, ma se volessimo fare le pulci al contenuto, rileveremmo ad esempio che non vi è alcuna teoria di genetica che dimostra che le specie più deboli sono quelle non contaminate.

Charles Darwin, il padre della Teoria dell’evoluzione, sostenne come sia l’ambiente a selezionare le mutazioni in base al criterio della vantaggiosità: i geni portatori di vantaggio adattivo saranno trasmessi alle generazioni successive, e la trasmissione di questi, di generazione in generazione, favorirà l’affermazione dei geni buoni.

L’evoluzione della specie, dunque, è affidata al raggiungimento di un equilibrio tra popolazione e ambiente che durerà fino al prossimo cambiamento ambientale che, quindi, innescherà un nuovo fenomeno evolutivo.

Non c’è modo, dunque, per cui le teorie scientifiche accreditate possano aiutare a sostenere idee politiche, se idee si possono chiamare, il cui unico obiettivo è sostenere l’odio e la paura, al posto della convivenza civile e democratica.

Ultimi Articoli

La Parrocchia ponte tra generazioni nella 45ª Giornata nazionale per la vita

Per celebrare la 45ª Giornata nazionale per la vita la Parrocchia Santa Marina Vergine...

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori

Cinquefrondi, l’arredo urbano si fa “smart”

L’idea è quella di unire l’utile al dilettevole impiegando l’arredo urbano “smart” come veicolo...

Il consigliere delegato Ranuccio presenta il bilancio ai sindaci: «Metrocity in salute. Manovra costruita insieme ai territori»

Ennesimo appello alla Regione: «Trasferisca presto le funzioni necessarie alla crescita di settori delicati dell’Ente»

Reggio, il Comune da in comodato 4 ettari di terreno alla “Mediterranea”: nascerà un’Azienda agraria

Firmato il protocollo d’intesa fra il sindaco ff ed il rettore.