HomeAltre NotizieAlessio: «Il buon nome di Gioia Tauro sporcato dalla criminalità»

Alessio: «Il buon nome di Gioia Tauro sporcato dalla criminalità»

Pubblicato il

Il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio è intervenuto in merito all’operazione di polizia di stamattina, denominata “Joy’s Seaside”. «Questa mattina – afferma – a seguito di articolate indagini, coordinata dalla Dda, la Polizia di Stato guidata dal questore Bruno Megale e dai dirigenti della Squadra mobile reggina Francesco Rattà e del Commissariato di Gioia Tauro Diego Trotta, ha disarticolato una pericolosa consorteria mafiosa operante nel nostro territorio, dedita a reati di narcotraffico internazionale, detenzione di armi, danneggiamenti ed estorsione.

Fatto salvo il diritto di ogni indagato alla presunzione di innocenza, questa Amministrazione non può non rilevare come ancora una volta il buon nome el’immagine di una città laboriosa ed onesta, sia sporcato da minoranze criminali che limitano la libertà dei cittadini ed impediscono l’affermarsi di quelle condizioni di legalità, foriere di sviluppo economico e sociale e di benessere per tutti.

L’Amministrazione comunale saluta e ringrazia magistrati e forze dell’ordine in questo sforzo difficile e costante per la liberazione del nostro territorio delle forze dell’antistato e per affermare la supremazia della legge e delle giuste regole di convivenza». Alessio continua dicendo che «abbiamo pagato – e paghiamo ancora all’attualità – le conseguenze della dimostrata infiltrazione mafiosa del Comune e dell’assoggettamento di pubblici funzionari ed amministratori al potere delle cosche.

La nostra città, che ha tutte le condizioni per essere la prima e più ricca della Calabria, non vuole pagare più il prezzo di questo asservimento. Chiediamo che tutti i cittadini onesti e laboriosi, consapevoli della importanza di questa dura lotta per la libertà, aiutino il lavoro ed il sacrificio di chi lavora quotidianamente per una città sicura e normale. L’Amministrazione comunale dichiara, infine, che si costituirà parte civile nel processo, nei modi e termini di legge».

Ultimi Articoli

Reggio, viaggiava con merce contraffatta: fermato un uomo all’aeroporto dello Stretto

I prodotti avevano il logo di brand di lusso ma a un controllo dei funzionari dell'agenzia delle dogane non sono risultati in linea con gli standard di qualità delle produzioni originali

La sezione reggina dell’Associazione Italiana Arbitri compie 90 anni, Versace: «Una famiglia e una vera e propria scuola di vita»

Il vicesindaco della Città metropolitana, insieme al delegato allo Sport Giovanni Latella, ha preso parte alla cerimonia che celebra il 90esimo anno dalla fondazione dell'Aia Reggio Calabria

Rosarno, oggi la consegna dei lavori di riqualificazione del Parco Medma

Il vicesindaco della Città metropolitana Carmelo Versace: «Sinergia virtuosa per rilanciare un territorio bello sul quale c'è ancora tanto da scoprire»

Ospedale della Piana, si lavora alla rimozione degli ultimi due elettrodotti

Il consigliere regionale Giuseppe Mattiani ha fatto visita al cantiere. «Lavoriamo per restituire ai calabresi una sanità di qualità»

Reggio, viaggiava con merce contraffatta: fermato un uomo all’aeroporto dello Stretto

I prodotti avevano il logo di brand di lusso ma a un controllo dei funzionari dell'agenzia delle dogane non sono risultati in linea con gli standard di qualità delle produzioni originali

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Il ponte sullo Stretto finisce nel mirino della Procura di Roma

Aperto un fascicolo d’indagine dopo l’esposto presentato da Pd, Sinistra Italiana e Avs