HomeSocietàA Cinquefrondi si racconta "L'eccidio di Acquappesa"

A Cinquefrondi si racconta “L’eccidio di Acquappesa”

Pubblicato il

Una storia tragica risparmiata all’oblio grazie ad uno studio approfondito condotto dal prof. Antonio Orlando, storico dell’ICSAIC, il quale attraverso la sua pubblicazione “L’eccidio di Acquappesa” ha reso possibile ricostruire e ristabilire l’esattezza dei fatti sulla sorte di diciannove soldati calabresi, cinque pianigiani – Michele Burelli e Francesco Trimarchi (entrambi di Cinquefrondi), Salvatore De Giorgio, Saverio Forgione e Francesco Rovere – che nel lontano 1943, informati dell’armistizio di Cassibile, col quale l’Italia firmò la resa incondizionata agli alleati sancendo il suo disimpegno dall’alleanza con la Germania nazista e l’inizio della campagna di Resistenza nella guerra di liberazione, a causa di una errata quanto ingenua interpretazione degli eventi, pagarono con la vita la voglia di ritorno alle proprie case. Il drappello di soldati, mal comprendendo la fine delle ostilità, decise di abbandonare la caserma del Regio Esercito dove prestava servizio e fare ritorno a casa ma cinque di loro recuperati anzitempo furono arrestati dall’ufficiale comandante che, informato il suo superiore, tal generale Chatrian il quale, giudicandoli senza appello colpevoli di diserzione, ne decretò la morte per fucilazione. Non di diserzione vieppiù di ingenuità ed inesperienza i veri “reati” che costarono loro la vita nonostante le insistenti e vane preghiere del cappellano militare che ne domandava clemenza ed il rinvio dell’esecuzione. A farsi carico di questa preziosa testimonianza storica le associazioni Alioscia e venticinqueaprile A.M.P.A che hanno organizzato per domani 21 aprile alle ore 17.30 presso la Mediateca comunale di Cinquefrondi un incontro-dibattito affidando il racconto ad Aldo Polisena, presidente dell’associazione Alioscia, e le conclusioni al rappresentante del comitato promotore di venticinqueaprile A.M.P.A., Sandro Vitale.

Ultimi Articoli

Nominato il comitato scientifico per la Varia di Palmi, Mattiani (Lega): «La Varia è prima di tutto un patrimonio regionale, doveroso tutelarla»

Predisposta una sezione sul sito del Consiglio Regionale e della Regione Calabria dedicata alla Varia

Con Baglioni e Caccamo la parola prende forma al Festival nazionale del Diritto e della Letteratura

Lezioni di diritto rigorosamente dispensate ai non addetti ai lavori mettendo al centro letteratura...

A San Ferdinando nasce il museo diffuso MAD: un legame vivo con la memoria e la cultura della città

L'obiettivo è valorizzare e promuovere il patrimonio storico, artistico e culturale della città.

Anche la Metrocity al Festival nazionale di diritto e letteratura di Palmi con Baglioni, Caccamo e Salvati

Il sindaco Falcomatà: «L'arte abbatte le barriere e riscatta la storia del nostro territorio»

Anche la Metrocity al Festival nazionale di diritto e letteratura di Palmi con Baglioni, Caccamo e Salvati

Il sindaco Falcomatà: «L'arte abbatte le barriere e riscatta la storia del nostro territorio»

Ex Reddito di cittadinanza, Taurianova avrà 2 Progetti utili alla Collettività (Puc)

La Giunta, su proposta dell’assessore Monteleone, coinvolge i percettori dell’Assegno di Inclusione impegnati nell’Ente anche su base volontaria

Cittanova, gli studenti del “Guerrisi” incontrano l’astronomo Flavio Fusi Pecci

"Docente per un giorno", l'astronomo di fama internazionale ha tenuto una lezione sul tema dei buchi neri