HomeCronacaTentato omicidio Nizzari, assolto anche in Appello Paolo Chiappalone

Tentato omicidio Nizzari, assolto anche in Appello Paolo Chiappalone

Pubblicato il

CHIAPPALONE Paolo cl.1964PALMI – Termina con l’assoluzione di Paolo Chiappalone il processo d’Appello per il tentato omicidio dell’avvocato Francesco Nizzari, avvenuto a Palmi il 13 novembre del 2010. I magistrati reggini hanno accolto le richieste dei difensori di Chiappalone, barbiere palmese su cui sono ricaduti i sospetti della Procura di Palmi, che lo ha arrestato il 26 ottobre del 2012 con l’accusa di aver aperto il fuoco contro Nizzari che rimase ferito gravemente, e di aver ucciso, per errore, un passante, Martino Luverà.

Paolo Chiappalone, difeso dai legali Guido Contestabile e Girolamo Curti, è stato assolto anche al termine del processo di primo grado celebrato a Palmi. Il Procuratore generale di Reggio Calabria, Alfredo Cianfarini, aveva invocato la condanna a 30 anni di reclusione, ma l’impianto accusatorio non ha retto, e Chiappalone è stato nuovamente assolto.

Secondo la ricostruzione dei fatti ad opera della Procura di Palmi, smentita per ben due volte dalle sentenze emesse dei giudici di Palmi e Reggio Calabria, il tentato omicidio di Francesco Nizzari si sarebbe consumato per mano di Chiappalone un sabato sera di 6 anni fa, mentre l’avvocato palmese rientrava a casa in via Antonio Fondacaro. Il ferimento infatti è avvenuto a pochi passi dall’ingresso del palazzo in cui l’avvocato Nizzari vive con la famiglia.

Perché proprio l’avvocato? Perché, avevano ipotizzato i magistrati della Procura di Palmi, Nizzari stava seguendo le pratiche di separazione di Chiappalone dalla moglie, fatto che avrebbe destato preoccupazione nel barbiere. E così Chiappalone avrebbe pensato di liberarsi per sempre di Nizzari, sparandogli addosso, ed a distanza ravvicinata (circa 20 mentri), una raffica di proiettili, che però non lo hanno colpito in maniera letale.

A morire fu, per puro caso, Martino Luverà, un uomo originario di San Martino di Taurianova che stava andando a far visita ad alcuni parenti.

La sentenza emessa in Appello non ha però chiarito chi sia stato a sparare quella sera.

Ultimi Articoli

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Cittanova, al Gentile in scena “Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo

In scena martedì 31 gennaio per la XIX Stagione Teatrale

Facoltà di Medicina a Reggio Calabria, riunito il tavolo istituzionale per l’avvio del percorso

Presenti i rappresentanti della Città Metropolitana, del Comune, della Camera di Commercio, dell'Ordine dei Medici e dell'Università Mediterranea.

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova