“I Mastroni” della Famiglia Addams

Entusiasmo e risate all'anfiteatro di Palmi

La gigantesca conocchia dell’anfiteatro di Palmi ha fatto da sfondo all’esibizione della Compagnia dei “Mastroni”, che martedì scorso, a grande richiesta, ha replicato il famoso musical “La Famiglia Addams”, per la regia di Antonio “Cionzo” Gelardi, mentre la Costa Viola è stata la suggestiva cornice di uno spettacolo che ha divertito e fatto riflettere il pubblico presente.

La storia degli Addams è ben nota, ma quelle battute in dialetto, inserite magistralmente al testo originale da Roberto Axl Teti, hanno offerto agli spettatori un valore aggiunto, tra il serio e il faceto. E poi le improvvisazioni, la satira, con stoccate alla politica locale, hanno dato un ulteriore senso a tutto, a quel tutto che ha suscitato risate esilaranti, lasciando una traccia viva dentro l’anima di ciascuno.

Nel momento in cui le luci del palcoscenico si sono spente, e ognuno è tornato a casa, ha portato con sé l’emozione di un’esperienza scenica capace di interagire – attraverso processi identificativi – nella vita quotidiana. Ecco la magia del teatro, ecco cosa può fare un gruppo di amici che professionalmente si occupa d’altro, ma ha capito, avendone le sensibilità culturali, che il teatro è una cosa seria.

Sul palco l’intera Compagnia dei Mastroni: Emanuele Riganò (Gomez), Roberta Evangelista (Morticia), che ha curato le coreografie, Annalisa Schiavone (Mercoledì), Davide Palaia (Pugsley), Antonio Gelardi (zio Fester), Domenico Schipilliti (nonna Addams), Simone Di Blasio (Lerch), Carmine De Masi (Lucas), Roberto Papalia (Mal), Teresa Surace (Alice), Ylenia Ritrovato (la morte) e, nei panni degli antenati, Aurora Frezza, Valentina Mazzaferro, Celeste Schipilliti, Nancy Tomasello, Giuseppe Calvo, Andrea Cento, Roberto Irrera, Simone Isola e Vincenzo Zoccali.

Gli attori si sono mossi sulla scena interpretando, efficacemente, i vari personaggi di quest’opera risalente agli Anni Trenta, che mette a confronto due famiglie, ovvero quella che risponde ai canoni della cosiddetta normalità, e l’altra, quella degli Addams, la cui condotta va sempre oltre le righe. Ed è da qui che scaturisce il disagio di Mercoledì Addams e Lucas (il normale). Innamoratissimi, i due ragazzi non sanno come rendere partecipi del loro amore le proprie famiglie. E mentre l’adrenalina aumenta vertiginosamente, arriva l’intercessione degli avi. Invitati dallo zio Fester per il consueto incontro al cimitero, l’intervento degli antenati riesce a chiudere allegramente e in bellezza, tra equivoci e assurdità, tutta l’intricata vicenda.

Un ruolo prezioso, oltre a quello svolto da tutto lo staff che ha lavorato dietro le quinte, l’hanno avuto i tecnici dell’audio e delle luci, con in testa Carmelo Caratozzolo e Gianni Esposito. Le musiche sono state curate da Daniele Dato e dalla vocal coach Chiara Tomaselli, che per l’occasione si sono avvalsi del supporto di Francesco Ierace. Fondamentale la collaborazione dei vari sponsor e del Comune di Palmi, che hanno incoraggiato l’iniziativa, preceduta da un breve saluto di Giuseppe Ciappina e Silvia Scarfone, rispettivamente Padreterno e Animella della Varia 2016.

Nel corso della serata, a favore dei terremotati, è stata organizzata una spontanea raccolta fondi.

Alla fine dello spettacolo, applausi sinceri e scroscianti, sotto la maestà del Monte Sant’Elia.

The studio wedding Lab
The studio wedding Lab
The studio wedding Lab
The studio wedding Lab

p2man
p2man
p2man
p2man