La Ciambra arriva a Cannes

Il regista Carpignano parteciperà alla Quinzaine des realisateurs con gli attori della Ciambra.

“Siamo onorati di poter partecipare alla Quinzaine des Realisateurs. Non vedo l’ora di portare la famiglia Amato e un pezzo della Ciambra a Cannes. Vorrei ringraziare tutti gli amici e la bella gente di Gioia Tauro che ci ha aiutato a realizzare questo film”.

È entusiasta ed eccitato Jonas Carpignano, il regista italo americano, ormai gioiese da diverso tempo, selezionato a Cannes per il suo film “A Ciambra”, interamente girato nella città del porto e che vede come protagonista indiscussa la comunità Rom.

Si è tenuta nei giorni scorsi a Parigi la conferenza stampa di presentazione della Quinzaine des Réalisateurs, per l’appunto. Si tratta di una selezione parallela a quella ufficiale del Festival di Cannes attiva dal 1969 e organizzata dalla Société des Réalisateurs de Films.

Il nome di Jonas, del suo film e di Gioia Tauro, appariranno accanto a diverse e note personalità del cinema.

Apre la sezione, “Un beau soleil intérieur”di Claire Denis con Juliette Binoche e Gérard Depardieu.
“L’intrusa” di Leonardo Di Costanzo, e “Cuori Puri”, esordio di Roberto De Paolis, sono gli altri due film italiani parteicpanti. E poi ancora “Alive in France” di Abel Ferrara, “Jeannette l’enfance de Jeanne D’Arc” di Bruno Dumont.

Una soddisfazione per il regista e per tutti gli attori non protagonisti messi in rilievo da Carpignano, con i quali ha realmente allacciato un rapporto di amicizia e rispetto reciproco.

Arrivato a Gioia Tauro per girare un corto sui purtroppo famosi Fatti di Rosarno, Jonas non è più andato via. Conosce tutti e invita gli amici a visitare questa terra che adora.

Per i gioiesi è sempre motivo di orgoglio leggere dei suoi successi. E la partecipazione alla Quinzaine des Realisateurs farà risuonare il nome di Gioia Tauro per un’ottima causa sostenuta da amici e concittadini.