Chiusura Chirurgia a Gioia, la reazione di Zagarella

"una intollerabile mortificazione del sacrosanto diritto alla salute di tutti i cittadini gioiesi e dell'intero comprensorio della Piana"

La notizia della sospensione dei ricoveri e del trasferimento del personale del reparto di Chirurgia dell’ospedale di Gioia Tauro è da ieri sera oggetto di discussione nella città del porto.

Uno dei primi a reagire e a inviare un comunicato alla stampa sulla vicenda è stato l’ax consigliere comunale Nicola Zagarella.

“L’ultima decisione della Direzione Strategica dell’ASP 5 di chiudere il Reparto Chirurgia dell’Ospedale di Gioia Tauro – ha affermato l’esponente di Città vivibile – suona come l’ennesima beffa ai danni della città del Porto più importante del Mediterraneo e rappresenta una intollerabile mortificazione del sacrosanto diritto alla salute di tutti i cittadini gioiesi e dell’intero comprensorio della Piana”.

Pasquale Imbalzano, Nico D'Ascola e Nicola Zagarella
Pasquale Imbalzano, Nico D’Ascola e Nicola Zagarella
Scrive ancora il politico gioiese: “Invece di dar seguito alle promesse più volte reiterate di dotare l’ospedale di Gioia di una T.ac e di rafforzare la dotazione organica di personale per consentire ad una struttura che per anni è stato uno dei fiori all’occhiello della sanità pianigiana di poter funzionare in condizioni minime, l’ASP si assume la grave responsabilità di chiudere, naturalmente si dice provvisoriamente – un reparto efficiente e funzionante, trasferendo gli operatori sanitari ivi occupati presso l’Ospedale di Polistena, che certo sulla Piana non può vantare la stessa baricentricità dell’ospedale gìoiese”.

Zagarella, da tempo legato politicamente a Nico D’Ascola annuncia il coinvolgimento nella vicenda del senatore reggino: “assicuriamo la cittadinanza – scrive ancora – che su questa delicata questione andiamo ad interessare il sen. Nico D’Ascola, perché si faccia latore presso il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin di un provvedimento che, a nostro giudizio, va revocato tempestivamente per ridare tranquillità alla popolazione di Gioia e restituire serenità ai lavoratori addetti che fin qui hanno assicurato, con non pochi sacrifici, il funzionamento di un reparto da tutti apprezzato e che inopinatamente si sono visti allontanare dalla loro sede di lavoro naturale”, aggiunge ancora il Presidente di “Città Vivibile” Zagarella.

Conclude l’ex consigliere comunale: “riteniamo quanto mai opportuna una urgente assunzione di responsabilità di quanti oggi governano la cosa pubblica a Gioia, nella città Metropolitana e nell’intera Regione, a partire dal Commissario Prefettizio al Comune, in quanto riteniamo prive di buonsenso e contrarie ad ogni logica di efficienza, che deve sempre presiedere il governo della Sanità calabrese, le decisioni assunte dai vertici dell’ASP che vanno contro gli interessi generali dell’intera Piana”.

The studio wedding Lab
The studio wedding Lab
The studio wedding Lab
The studio wedding Lab

p2man
p2man
p2man
p2man