Andrea Fucile ha raccontato a Gioia il suo “Girovaga(bo)ndo”

L'incontro ha segnato il debutto dell'associazione Cultura, Arte e Territorio

da sinistra Catania, Bagalà, Papalia e Angilletta

La presentazione del diario dei viaggi di Andrea Fucile dal titolo “Girovaga(bo)ndo ha segnato l’esordio ufficiale dell’associazione Cultura, Arte e Territorio.

L’incontro è stato ospitato ieri pomeriggio nel salone di palazzo Baldari e oltre all’autore sono intervenuti Vincenzo Bagalà, Angela Angilletta e Francesco Catania che sono tra i promotori della nuova realtà associativa gioiese.

E’ toccato invece al consigliere comunale palmese Antonio Papalia moderare la presentazione e stimolare l’autore a raccontare la sua esperienza di viaggio.

Girovaga(bondo) racconta in 166 pagine l’amore per i viaggi di Andrea Fucile, un 32enne di Calopezzati che nel 2009, a pochi mesi dalla laurea in scienze della comunicazione, ha deciso di allargare i propri orizzonti, di abbandonare ogni ritrosia e di andare alla scoperta del mondo con lo zaino in spalla.

Dopo aver migliorato il proprio inglese frequentando per 2 anni un college in Scozia ed essersi laureato, Fucile è partito per l’Australia dove si è fermato per altri 2 anni. Da quel momento ha macinato chilometri su chilometri, con meno bagagli ma sempre con una maggiore voglia di conoscere tutto e confrontarsi con tutti senza pregiudizi.

Ha visitato 58 nazioni. E’ andato da Torino a Istanbul in bicicletta e recentemente sempra in bici ha fatto il giro della Calabria per porre l’attenzione sulla enorme pericolosità della statale 106.

Da queste esperienze è nato Girovaga(bo)ndo che Andrea Fucile presenterà in tutta Italia e per farlo attraverserà lo stivale a bordo di una vespa 50.

“Ho realizzato il sogno di evadere dal mio angustoangolo di mondo – ha scritto Andrea Fucile nel suo libro – per conoscere realtà e umanità diverse. In ogni circostanza mi sono lasciato guidare dall’entusiasmo, dal desiderio di conoscenza, dalla bellezza della spontaneità, dalle emozioni e dalla fantasia creativa, che, da quando l’uomo è apparso sulla terra hanno agito da volano per il progresso e la civilizzazione dei popoli”.